{
Andrea Ventimiglia

Blogger & Social Media Manager

30/07/2016, 10:00





 



Ringraziare il nostro Stato? Perché, per quale motivo, per quello che non offre forse? Stamani ho conosciuto personalmente, ed ho avuto l’onore nel farlo, due bambini disabili meravigliosi, due fratellini speciali che hanno la fortuna di avere dei genitori con un cuore immenso e di vivere in un paese come la Svizzera, un paese che fin dalla loro nascita ha fatto della loro disabilità la loro forza, assistendoli fisicamente, moralmente ed economicamente in ogni giorno della loro vita. Due bambini con un’energia da fare invidia ad ognuno di noi. Il nostro Stato avrebbe fatto lo stesso mi chiedo? Un paese, il nostro, fatto di politici di turno, gente il cui unico scopo della loro vita è quello di aumentare a dismisura il proprio fatturato economico a discapito di come invece un normale Stato moderno dovrebbe trattare i suoi figli, con cura, con ottima cura. Uno Stato in cui essere disabile vuol dire avere una vita condannata ed in cui ogni giorno risulta essere un continuo lottare alla ricerca di una condizione economica di stabilità che possa permettere un’adeguata assistenza a chi ha già un percorso di vita abbastanza difficile. Uno Stato in cui essere disabile è un "lusso" che solamente chi è ricco può permettersi. Ebbene no, non mi riconosco in uno Stato del genere, e voi? Miei cari bimbi, vi auguro tutto il meglio che la vostra vita possa offrirvi, e mi auguro che un giorno anche dalle nostre parti potrete essere liberi di vivere in serenità e con fiducia. Al nostro Stato non mi resta invece di “ricordarle” che chi si prende cura dei bambini, qualunque sono le loro condizioni, si prende cura dell’intera umanità.

Buon rientro piccoli, e buona vita.



1
Create a website